TELEFONI CELLULARI: FANNO MALE O NO?

Nel dubbio, i consigli del Ministero della Salute

Telefoni cellulari, fanno male o no? Nel dubbio, i consigli del Ministero della Salute

Telefoni cellulari, fanno male o no? Nel dubbio, i consigli del Ministero della Salute

900 601 Approfondimenti - DOC Generici

Fanno male? Fanno bene? Gli studi sono in corso e, spesso, ancora in contraddizione. Nell’attesa di poter dare una risposta certa ad una domanda così complessa, ecco alcune buone abitudini consigliate dal Ministero della Salute per limitare i danni.

Secondo l’OMS, non è stato dimostrato alcun effetto sanitario avverso causato dall’uso dei telefoni cellulari, ma ulteriori ricerche sono in corso. Senza contare che non sono ancora disponibili osservazioni a distanze superiori ai 15 anni dall’inizio dell’uso e per esposizioni iniziate durante l’infanzia e l’adolescenza.

I consigli del Ministero della Salute

Ecco quindi, nell’attesa di saperne di più, alcune buone abitudini in grado di favorire la riduzione del livello di esposizione ai campi elettromagnetici prodotti dai telefoni:

  1. Effettuare telefonate preferibilmente in condizioni di alta ricezione del segnale e in zone ad alta copertura delle reti di telefonia mobile.
  2. Utilizzare sistemi a “mani libere” (auricolari e sistemi viva-voce).
  3. Ridurre le telefonate non necessarie.
  4. Preferire i messaggi di testo o vocali alle telefonate.
  5. Presentare ai bambini il telefono come uno strumento di comunicazione da usarsi nelle situazioni di necessità, e non come un comune oggetto di gioco.
  6. Non fare uso di dispositivi commerciali pubblicizzati come in grado di ridurre i livelli di esposizione del telefono, la cui efficacia non è in realtà mai stata dimostrata ed anzi possono sortire l’effetto contrario.
  7. Non tenere il cellulare acceso negli ospedali (attenersi alla segnaletica) o dove sono presenti apparecchiature elettromedicali.
  8. Per i portatori di pacemaker o di altri dispositivi medici attivi, non mantenere il telefono in prossimità o a contatto con l’impianto (ad esempio nel taschino della giacca sul lato dell’impianto stesso) così da prevenire eventuali interferenze sul corretto funzionamento del dispositivo.

Fonte: http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_3_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=dossier&p=dadossier&id=7