fbpx

SESSUALITÀ IN ETÀ AVANZATA

Cosa c'è da sapere e come preservarla

Sessualità in età avanzata

Sessualità in età avanzata

900 601 Approfondimenti - DOC Generici

Il sesso è uno dei piaceri della vita ed è quindi più che comprensibile il desiderio di tanti di conservare la funzione sessuale anche nella terza età. La conservazione, o meno, di tale capacità fin nella vecchiaia dipende in gran parte dallo stile di vita che ciascun individuo segue nel corso della propria esistenza. È bene, quindi, iniziare a pensarci già da giovani o correre ai ripari al più presto. Ecco come.

 

Eliminiamo i pregiudizi. La vecchiaia non è “asessuata”

Diversamente dalla frequente comune percezione di una vecchiaia “asessuata”, molte persone anziane godono di una vita sessuale attiva. Tuttavia, sia negli uomini che nelle donne, il normale invecchiamento determina cambiamenti che a volte influenzano la capacità di fare sesso e di godere di questo.

Negli anziani, con l’avanzare dell’età, si osserva una progressiva diminuzione dell’interesse per il sesso e della frequenza dell’attività sessuale. Le cause di questo cambiamento sono molteplici e comprendono la salute fisica generale, cause psicologiche, disfunzioni sessuali e problemi pratici.

La diminuzione dell’importanza attribuita al sesso, non è determinata dall’età ma piuttosto dai problemi di salute che affliggono gli anziani: la scarsa salute è associata a un ridotto interesse per il sesso e il funzionamento sessuale è un indicatore dello stato di salute generale.

Il 75% degli uomini anziani deambulanti è ancora sessualmente attivo, mentre lo è solo un sesto di quelli con problemi di mobilità. Numerosi studi hanno mostrato, sia negli uomini che nelle donne, l’esistenza di una associazione tra la presenza di fattori di rischio cardiovascolare e la disfunzione sessuale.

 

I problemi maschili

Nei maschi la disfunzione erettile (incapacità di ottenere o mantenere un’erezione soddisfacente per la durata del rapporto sessuale) colpisce prevalentemente gli uomini al di sopra dei 40 anni di età e diventa sempre più comune con il progredire dell’invecchiamento.

Le possibili cause di disfunzione erettile sono numerose, fra queste vanno ricordate:

  • quelle vascolari,
  • quelle neurologiche,
  • quelle psicogene,
  • quelle ormonali,
  • il diabete,
  • la chirurgia per il cancro della prostata,
  • i farmaci.

 

I problemi femminili

Nelle donne in post-menopausa, i problemi che originano dall’atrofia urogenitale, che si manifesta con sintomi vaginali (prurito, secchezza, bruciore, dolore durante i rapporti sessuali) e urinari (frequenza, nicturia, urgenza, disuria), possono rendere meno desiderabile l’attività sessuale. Nelle donne anziane la sessualità è anche fortemente influenzata da fattori psicosociali e problemi di salute fisica inclusa l’incontinenza urinaria.

 

Problemi sessuali possono essere originati da numerose malattie

  • Il diabete, negli uomini, può causare disfunzione erettile e nelle donne, una maggiore probabilità di soffrire di infezioni vaginali da Candida, infezioni, queste, che possono provocare prurito e irritazione e rendere il sesso indesiderabile.
  • Nel caso dell’artrite il dolore alle articolazioni può essere di ostacolo al contatto sessuale.
  • La capacità di fare sesso può essere condizionata da un ictus.
  • Negli uomini la disfunzione sessuale ha una maggiore prevalenza negli ipertesi rispetto ai normotesi.
  • La disfunzione erettile è risultata essere un fattore di rischio indipendente per l’insorgenza di eventi cardiovascolari (due terzi degli uomini anziani sono impotenti prima di andare incontro a un infarto miocardico) e per la mortalità.
  • La capacità di fare sesso può esser compromessa da alcuni interventi chirurgici, in particolare da quello per il cancro della prostata che è molto più comune negli anziani.
  • Negli anziani l’assunzione cronica di medicinali è molto più frequente che nei giovani e questo fatto può avere, non raramente, un effetto negativo sulla vita sessuale perché diversi medicinali possono provocare disfunzione sessuale.
  • Il fumo di sigaretta è un fattore di rischio importantissimo nello sviluppo della disfunzione erettile in quanto amplifica notevolmente il rischio di impotenza, specie quando associato a patologie cardiovascolari e relative terapie farmacologiche. In uno studio, nei pazienti trattati per una patologia cardiaca vi era impotenza completa nel 56% dei fumatori e nel 21% dei non fumatori.
  • L’alcol può provocare problemi di erezione negli uomini e ritardo nell’orgasmo nelle donne.

 

I consigli

Il modo migliore di preservare la propria funzione sessuale (e la propria salute) è condurre uno stile di vita sano che comprenda una corretta alimentazione, un adeguato esercizio fisico e l’astensione dal fumo.

Negli anziani la ricerca di un trattamento per la disfunzione sessuale è spesso inibita da un ingiustificato imbarazzo che è uno dei maggiori ostacoli alla soluzione e alla cura del disturbo.  Gli anziani, e tutti coloro che soffrono di una disfunzione sessuale, devono rivolgersi con fiducia al loro medico che molto spesso sarà in grado di aiutarli a risolvere il loro problema. La disfunzione sessuale negli anziani è frequentemente provocata da condizioni e malattie che possono essere trattate efficacemente.

Modifiche dello stile di vita possono migliorare la funzione erettile. Il problema della secchezza vaginale può essere risolto con l’uso di gel lubrificanti a base d’acqua o di preservativi lubrificati.

Se si stanno assumendo medicinali, in presenza di una disfunzione sessuale è opportuno verificare, leggendo il foglio illustrativo, se tale disfunzione può essere provocata dai farmaci che si stanno assumendo e, se esiste questa possibilità, rivolgersi al proprio medico il quale, se del caso, potrà di norma sostituire il farmaco incriminato con uno privo di effetti sulla funzione sessuale.

Tutti dovrebbero evitare l’eccessivo consumo di alcol perché, oltre agli effetti dannosi sulla salute, può causare problemi di erezione negli uomini e ritardare l’orgasmo nelle donne.

I soggetti instabili con alto rischio cardiovascolare o con grave ipertensione non controllata, dovrebbero astenersi dall’attività sessuale fino a quando la loro condizione non sia stabilizzata e sia stato avviato il trattamento della disfunzione erettile.

Nota: Le informazioni riportate in questo testo non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita, la prescrizione del medico.

 

Bibliografia

National Institute of Aging. Sexuality in Later Life.

Taylor A et al. Sexuality in older age: essential considerations for healthcare professionals. Age Ageing. 2011 Sep;40(5):538-43.

Nicolosi A et al. Epidemiology of erectile dysfunction in four countries: cross-national study of the prevalence and correlates of erectile dysfunction. Urology. 2003 Jan;61(1):201-6).