HAI UNA BUONA POSTURA?

E' un arma in più contro la depressione

Hai una buona postura? È un’arma in più contro la depressione

Hai una buona postura? È un’arma in più contro la depressione

900 601 Approfondimenti - DOC Generici

Una postura corretta potrebbe aiutare a contrastare la depressione. È quanto evidenziato da uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry e condotto dall’Università di Auckland, in Nuova Zelanda.

Secondo gli studiosi, mantenere una postura corretta influenza lo stato d’animo e può aiutare a combattere la depressione lieve. Stare dritti con la schiena sia da seduti che in piedi migliora l’autostima, fa impegnare maggiormente per raggiungere i traguardi, e rende più sicuri dei propri pensieri.

La ricerca

I ricercatori hanno analizzato 61 persone affette da depressione lieve o moderata, dividendole in due gruppi. Ad una metà è stato chiesto di mantenere la postura abituale, all’altra metà di sforzarsi di mantenerne una corretta. A tutti i partecipanti, poi, sono stati affidati compiti considerati stressanti, come parlare in pubblico sapendo di essere giudicati e compiere calcoli contando all’indietro da 1022 a zero sottraendo ogni volta 13. Avvalendosi di alcuni test, gli scienziati hanno poi monitorato lo stato d’animo dei soggetti prima, durante e dopo l’esperimento.

I risultati

Al termine dell’indagine è emerso che mantenere la postura corretta ha influenzato positivamente l’umore dei soggetti coinvolti. Secondo i ricercatori, infatti, chiedere alle persone con depressione lieve o moderata di stare sedute correttamente ha ridotto il loro senso di affaticamento e aumentato l’entusiasmo in un breve periodo di tempo, rispetto a chi invece è stato seduto nella propria postura abituale. Inoltre, queste persone hanno parlato di più, impiegato più parole e, soprattutto hanno utilizzato meno la prima persona singolare, segno che erano meno focalizzati su loro stessi, avevano una maggiore energia e un minor umore negativo.

 

Fonte: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0005791616301719