fbpx

RISCHIO OBESITA'

Sintomi, complicanze e prevenzione

Obesità: sintomi, complicanze e prevenzione

Obesità: sintomi, complicanze e prevenzione

1080 720 Approfondimenti - DOC Generici

Avere molti chili di troppo, si sa, fa male. E comporta una serie di conseguenze a breve e a medio-lungo termine. Ecco come correre ai ripari.

Nella vita di tutti i giorni, le persone obese presentano affanno, anche compiendo attività fisica di bassa intensità, sudano profusamente, hanno disturbi del sonno e russano (questa condizione può arrivare fino alla sindrome delle apnee notturne, che comporta una scarsa ossigenazione del sangue anche per lunghi periodi durante il sonno notturno e aumenta il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari, quali ictus e infarto), hanno sonnolenza diurna e problemi alle articolazioni (dolori a schiena, ginocchia e anche).
Inoltre, frequentemente auto-limitano la loro vita sociale e hanno problemi della sfera psicologica, quali bassa autostima, che possono sfociare nella depressione.

Senza contare che, a lungo termine, obesità e sovrappeso sono condizioni associate ad elevata mortalità e rappresentano un importante fattore di rischio per le principali malattie croniche:

  • malattie cardiovascolari (in particolare infarto e ictus)
  • ipertensione, diabete mellito di tipo 2
  • sindrome metabolica
  • alcune forme di tumori (in particolare il tumore dell’endometrio, del colon retto, renale, della colecisti, della prostata e della mammella).

Mentre aumenta anche il rischio di malattie della colecisti (calcoli) e delle malattie muscolo-scheletriche (in particolare artrosi degenerativa).

Obesità e sovrappeso, come prevenire:

• limitare il consumo di grassi e zuccheri, molto abbondanti soprattutto nei cibi confezionati e nei soft drink
• aumentare il consumo di verdure, legumi, cereali integrali e, in generale cibi freschi, non processati
• seguire una dieta variata, riducendo le porzioni, nel caso in cui si voglia perdere peso
• limitare l’alcol, che oltre ad essere nocivo alla salute degli organi, è anche un’importante fonte di calorie, senza apportare nessun vantaggio nutrizionale
• non ricorrere al cibo come genere di conforto, nel caso in cui ci si senta depressi o giù di corda
• dare ai bambini un buon esempio in materia di alimentazione; i figli di genitori obesi tendono a loro volta ad avere problemi di peso
• fare una regolare attività fisica: gli adulti dovrebbero fare almeno 30 minuti/giorno per 5 volte/settimana di attività fisica aerobica di intensità moderata (camminare a passo veloce, andare in bicicletta, nuotare, ballare); i bambini almeno 60 minuti/giorno; nel caso in cui si desideri perdere peso, il livello di attività fisica dovrà essere gradualmente incrementato.

 

Fonte: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsplingua=italiano&id=175&area=Malattie_endocrine_e_metaboliche