DONAZIONE DI SANGUE

Chi può donare sangue, come, dove e cosa si dona.

Donazione di sangue, quanto ne sai?

Donazione di sangue, quanto ne sai?

900 606 Approfondimenti - DOC Generici

Tutto quello che c’è da sapere sulla donazione di sangue: chi può donare sangue, come, dove e cosa si dona.

Nel mondo, più o meno ogni 2 secondi qualcuno ha bisogno di sangue. Le trasfusioni sono una terapia salvavita in diverse occasioni:

  • in caso di eventi traumatici, come gli incidenti e in molti interventi chirurgici
  • in caso di patologie croniche, per esempio nelle anemie congenite come la talassemia
  • per il superamento di stati critici dovuti a malattie del sangue (leucemia)
  • per il superamento degli effetti dovuti ad alcune terapie anti-cancro.

Chi può donare sangue?

  • Chi ha un’età compresa tra i 18 ed i 65 anni (salvo diverso parere medico)
  • persone di peso non inferiore a 50 kg
  • chi ha la pressione arteriosa sistolica (massima) compresa fra 110 e 180 mm di mercurio e la pressione arteriosa diastolica (minima) fra 60 e 100 mm di mercurio
  • chi ha un polso ritmico, regolare e con pulsazioni comprese fra 50 e 100 al minuto (i donatori che praticano attività fisica intensa possono essere accettati anche con frequenza cardiaca inferiore)
  • in generale, l’emoglobina non deve essere inferiore nelle donne a 12,5 g/dL e negli uomini a 13,5 g/dL.

Tutti i passi per donare il sangue

Il primo step è la visita medica. Il medico misura la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca ed esegue l’anamnesi (una serie di domande sullo stato generale di salute e sugli stili di vita).

Se non ci sono controindicazioni si passa al prelievo. Un medico o un infermiere professionale esegue il prelievo dal donatore, disteso su di una poltrona-lettino. La procedura è indolore, controllata e sicura, e l’organismo del donatore rimpiazza il volume di liquido perso nella donazione nell’arco di 24 ore.

Le analisi del sangue

Per proteggere il ricevente e monitorare lo stato di salute del donatore, ad ogni prelievo vengono effettuate le seguenti analisi:

  • ricerca anticorpi anti HIV (Human Immunodeficiency Virus)
  • ricerca degli anticorpi anti HCV (Hepatitis C Virus)
  • ricerca dell’antigene di superficie del virus dell’epatite B (HbsAg=Hepatitis B superficial Antigene)
  • sierodiagnosi per la Lue (sifilide)
  • HCV RNA
  • HIV RNA
  • HBV DNA
  • emocromo

Su base annuale, invece, il donatore abituale viene sottoposto ad altri esami per la valutazione del suo stato generale di salute:

  • creatininemia
  • glicemia
  • protidemia
  • ferritinemia
  • ALT
  • colesterolemia
  • trigliceridemia

Dove si dona?

In Italia il sangue si può donare:

  • in 315 servizi trasfusionali, coordinati da 21 centri regionali sangue;
  • in circa 250 unità di raccolta gestite dalle associazioni e federazioni dei donatori di sangue,
  • in circa 1800 punti di prelievo

Cosa si può donare?

Non solo sangue. Le donazioni, infatti, non sono tutte uguali. È possibile donare:

  • Sangue intero – volume 450 millilitri ± 10%, il tempo di donazione è di circa 15 minuti. Gli uomini e le donne non in età fertile possono donare sangue intero 4 volte nell’anno. Le donne in età fertile, invece, possono farlo 2 volte all’anno. L’intervallo tra due donazioni di sangue intero non può essere inferiore a 90 giorni.
  • Donazione multicomponente – Possono essere donati nello stesso momento due emocomponenti diversi. Un separatore cellulare permette di separare il sangue prelevato dal donatore nelle sue componenti cioè plasma, globuli rossi e piastrine.
  • Donazione di plasma: plasmaferesi. Viene prelevato un volume di plasma non inferiore a 600 millilitri, il tempo di donazione è variabile.
  • Donazione di piastrine: piastrinoaferesi. Le piastrine vengono raccolte in un’apposita sacca. L’intervallo tra due donazioni di piastrine può essere di 14 giorni fino ad un numero massimo di 6 piastrinoaferesi ogni anno.
  • Donazioni multiple di emocomponenti. Grazie ai separatori cellulari è possibile effettuare donazioni multiple come, ad esempio, donazioni di plasma e globuli rossi (eritroplasmaferesi) oppure globuli rossi e piastrine (piastrinoaferesi) o ancora plasma e piastrine (plasmapiastrinoaferesi).

 

 

Fonte http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=191&area=Salute_Solidale