A STOMACO VUOTO SI RAGIONA MEGLIO

...e si fanno le scelte migliori

A stomaco vuoto si ragiona meglio

A stomaco vuoto si ragiona meglio

900 600 Approfondimenti - DOC Generici

Contrariamente a quanto si pensi, sembra che quando si è affamati si facciano scelte più vantaggiose. È questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell’Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, al termine di uno studio diviso in tre sperimentazioni su due gruppi di studenti, uno affamato e l’altro sazio. In tutti gli esperimenti i risultati hanno dimostrato che le persone a digiuno affrontano meglio il compito di prendere decisioni complesse rispetto a quelle sazie.

Non ci vedete più dalla fame? Dimenticatelo

Come anche i famosi luoghi comuni secondo i quali a stomaco vuoto non si ragiona. Anzi. Le ricerche scientifiche condotte dall’Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, sembrano dimostrare proprio il contrario. È a stomaco vuoto che si ragiona meglio e si fanno le scelte migliori. Da oggi, quindi, prima di una riunione importante evitate di lanciarvi su hamburger e patatine o su un bel piatto di pasta. Semmai fatelo dopo!

La ricerca

Lo studio ha coinvolto un gruppo di studenti, diviso in 2 gruppi. Dopo aver digiunato la sera prima dell’esperimento, alla colazione del mattino successivo ad un gruppo è stato offerto del cibo sostanzioso, mentre agli altri no.

In due dei tre compiti affidati, gli studenti hanno dovuto giocare allo “Iowa Gambling Task”, un test psicologico basato sul gioco d’azzardo e utilizzato per studiare le dinamiche dei processi decisionali, mentre il terzo compito testava le capacità dei partecipanti di rimandare le gratificazioni immediate in vista di ricompense più importanti in futuro.

I risultati

Al termine del compito ogni studente ha dovuto dichiarare quanto si sentisse sazio in una scala da 1 a 5. I risultati migliori in tutte e tre le prove sono state ottenute dagli studenti più affamati proprio perché la fame spinge ad agire d’impulso, suggerisce la decisione più giusta e impedisce di perdersi nei ragionamenti.

 

Fonte: Plos One